Che cosa fare, vedere e mangiare al rione Monti

rione monti

Roma era divisa in rione già in età imperiale – anche se il termine viene usato a partire dal medioevo – benché il numero, le dimensioni e le fattezze dei rioni siano ovviamente cambiate nei secoli.
Oggi faremo una passeggiata virtuale in uno dei rioni più centrali e praticamente sempre abitato, fin dall’antichità: Monti.

Monti: la storia



Nella zona dell’attuale rione nacquero i primi nuclei abitativi della città e per lungo periodo i più popolari. Il rione intero comprendeva anche parte di Esquilino, Viminale e Quirinale, da qui il nome legato alle alture.
La storia della zona è sotto gli occhi di tutti e spazia da quella religiosa, con le numerose chiese tra cui Santa Prudenziana, la chiesa nazionale ucraina dei Ss. Sergio e Bacco o il convento domenicano con la chiesa dei Ss. Domenico e Sisto a quella laica, con la cinquecentesca Villa Aldobrandini e Via Panisperna, dove aveva sede il Regio Istituto di fisica dell’Università di Roma presso il quale lavorarono Enrico Fermi e alcuni suoi giovani colleghi approfondendo gli studi che condussero poi alla realizzazione della bomba atomica.

Movida e shopping al rione Monti

Ma tanta storia e tanto blasone, dalla suburra romana ai fasti della scienza, non hanno impedito a Monti di vivere una nuova vita e un nuovo protagonismo, diventando in questi ultimi anni uno dei quartieri più interessanti e di tendenza della Capitale. L’aperitivo a Monti è ormai d’obbligo per romani e turisti, come pure le cene in alcuni dei locali più in voga, su tutti Urbana 47 o la storica osteria La Carbonara, proprio in Via Panisperna. In zona non  ci si può dimenticare neanche di deliziare il palato con dei dolci e non si può non fare una fermata da Grezzo, pasticceria vegana con sede in Via Urbana, o nella gelateria Fata Morgana.
Il rione non è però solo una meta per buongustai e bevitori, ma anche per appassionati di shopping e stile, in particolare vintage. Numerosi sono infatti i negozi, di varia grandezza, nei quali si possono trovare capi d’abbigliamento e accessori come ad esempio Pulp in Via del Boschetto o l’ormai classico Mercato Monti. Imperdibili sono anche i negozi di oggettistica come Luca Arts o d’artigianato orafo, come ad esempio Co.ro.
Insomma, non resta che uscire e prendersi un po’ di tempo da passare in compagnia di questo quartiere e delle sue stradine dal sapore antico, magari proprio per uno dei nostri aperitivi!

 

Sara

WheninRome
AUTHOR: WheninRome
2 Comments

Leave a Comment

Your email address will not be published.